post in evidenza

giovedì 29 novembre 2018

La valle dei cedri di Fabio Gimignani

                                       
                                        

Quarta di Copertina:
Beirut, 1986.
A vent'anni non è giusto girare il mondo con un mitragliatore carico in spalla.
È ciò che pensa il protagonista di questo racconto, che fronteggerà il suo divenire uomo nel modo più brusco ed inevitabile che sia dato immaginare. Parte di un contingente italiano non meglio definito dagli accordi internazionali, il giovane sergente si ritrova a galleggiare in una realtà rarefatta in cui non c'è niente di concreto, tranne un regolamento assurdo creato da burocrati oscuri ed applicato da altrettanto oscuri ufficiali in una Beirut dilaniata dalla guerra e pronta a ghermire chiunque abbassi la guardia anche solo per un istante.
E poi c'è Roumieh: un carcere arroccato sulla collina che sovrasta la città dove anche la propria ombra diventa un nemico in agguato.
Un racconto impregnato di realismo o di realtà?
L'autore si limita a scrivere, ma non a commentare..
Recensione:
Molti voi si staranno già chiedendo come mai manca meno di un mese a Natale e decide di parlare di un libro che tratta di  guerra?
Subito spiegato il motivo: in ogni pagina ci parla della Vita, quella che ogni giorno per te è importante e rimane nel cuore, ma che non ci facciamo caso nelle giornate ordinarie e diamo per scontato.
Il protagonista è un ragazzo catapultato in una realtà devastante e diversa da quella che gli era stata descritta, nonostante ciò con spirito d'adattamento, raziocinio e positività, riesce a  sopravvivere ed affrontare la quotidianita'.
Il giovane sergente ci dimostra come un atteggiamento positivo, sia la chiave per trovare  la forza  per andare avanti,come pensare a tua madre che ti rinfaccia che fumi sempre troppo...
Leggere questo libro, che racconta ma non giudica, che crea speranza senza illudere, ci obbliga a pensare al contesto storico in cui stiamo vivendo e a quanta vita ognuno di noi è portatore.. regala questo libro a te stesso, per ricordarti quanto tu valga, perchè ognuno di noi è essenza e regalalo a coloro che per te sono il motivo per andare avanti.
TROVA LA TUA FORZA LEGGENDO E DALLE ASCOLTO.
Alla prossima anima lettrice.

Nessun commento: